A Milano va in scena la grande danza, con la Cenerentola di Prokof’ev

Cenerentola di Prokof’ev, momenti durante le prove Cenerentola di Prokof’ev, momenti durante le prove

Polina Semionova e Roberto Bolle aprono, sabato 19, la stagione di Balletto al Teatro alla Scala di Milano con "Cinderella", nuova creazione tratta dalla "Cenerentola" di Prokof’ev, firmata da Mauro Bigonzetti.

In programma dodici rappresentazioni fino al 15 Gennaio. « Ciò che più mi premeva di rendere con la musica di "Cenerentola", spiegò il compositore, era l'amore poetico tra lei ed il principe, la nascita ed il fiorire del sentimento, gli ostacoli su questa via, la realizzazione di un sogno. Ho cercato di far sì che lo spettatore non rimanga indifferente alla sventura e alla gioia. Ho composto Cenerentola nel solco della tradizione del balletto classico russo. » Dopo dieci anni, la celeberrima favola di Perrault entrerà nel repertorio scaligero. La ricchezza melodica e descrittiva della straordinaria musica di Prokof’ev, l’universo fantastico e fiabesco, la trama articolata di episodi e dinamiche tra i protagonisti, hanno stimolato l’estetica e la musicalità di Mauro Bigonzetti e la sua personale visione stilistica per una creazione cucita addosso ai ballerini scaligeri, che segue la traccia narrativa del racconto. Per chi avesse la possibilità di andarla a vedere è sicuramente una bella rappresentazione di Natale e un modo per accrescere il proprio bagaglio culturale e tecnico ammirando i grandi protagonisti della danza contemporanea. A breve, nel blog, parleremo più approfonditamente del balletto "Cenerentola" di Prokof’ev.

Continuate a seguirci!

Devi effettuare il login per inviare commenti

Blog