Pasqua a Napoli un occasione per celebrare la buona tavola

Non solo arte, cultura e bellezze della natura. La Pasqua è per Napoli e i napoletani, e per i fortunati che si troveranno in vacanza da queste parti, un'altra occasione per celebrare pietanze straordinarie e la buona tavola.

Ma cosa c'è di tanto speciale? Bè, innanzitutto una torta salata imbottita con salumi e formaggio chiamata tortano, o casatiello. La fellata, una serie di salumi paesani tipici napoletani disposti su un piatto da portata molto grande. Spesso, ma non dovunque, è possibile trovare la cosiddetta "minestra maritata", un misto di verdure in brodo quali scarole, borragine, cicoria e broccoli con salsiccia e prosciutto. E ancora carciofi fritti e imbottiti e l'agnello con piselli e cacio, vere bontà da leccarsi i baffi.

Ma la vera regina della Pasqua napoletana è sua maestà la pastiera! Una torta dolce preparata miscelando sapientemente, come pare abbia fatto la prima volta una suora del convento di San Gregorio Armeno circa sei secoli or sono, uova, grano, ricotta, candidi, cannella e acqua millefiori. Una bontà assoluta che da sola può giustificare, e non solo per i golosi, un viaggio nelle nostre zone.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Blog