I vulcani tra le cause della scomparsa dei dinosauri sulla Terra

Sembrerebbe che il dibattito tra gli scienziati sulle cause della scomparsa dei dinosauri, che dura ormai da 35 anni anni, stia giungendo all' epilogo; e i vulcani c'entrano qualcosa.


La teoria più accreditata attribuisce queste cause alla caduta di un' esteroide del diametro di 10 chilometri, abbattutosi nel Golfo del Messico. Ma ciò che è stato recentemente dimostrato da una ricerca scientifica, i cui esiti sono stati pubblicati dalla rivista Science, è che proprio quell' evento ha determinato un considerevole incremento dell' attività vulcanica sul pianeta.

Gli scienziati hanno ricostruito l’origine geologica dell’altipiano del Deccan, in India, studiando la stratificazione delle rocce e datando gli strati geologici. Ne è scaturito che nei 50.000 anni successivi all’impatto dell asteroide, la frequenza media delle eruzioni vulcaniche diminuì, mentre la quantità di magma emesso per ogni singola eruzione arrivò quasi a raddoppiare.

E' possibile che l’onda d’urto provocata dall' impatto dell’asteroide abbia modificato la struttura interna dei vulcani in tutto il pianeta, creando camere magmatiche più grandi e pronte a eruttare.

Stando ai dati, il livello di attività vulcanica rimase alto e portò alla distruzione dell’ecosistema preistorico. L’anidride carbonica e il diossido di zolfo riversati nell’atmosfera abbassarono la luce del sole, e questo portò alla scomparsa di molte specie vegetali, seguite a ruota dagli animali che se ne nutrivano: una grande estinzione di massa, che coinvolse circa il 76% delle specie viventi.

Segui la rubrica "La Scienza del Martedì"

Devi effettuare il login per inviare commenti

Blog