Alla scoperta dei Campi Flegrei: Bacoli

Il percorso nella Terra del Mito ci porta questa settimana sul litorale flegreo a poca distanza dalla Solfatara, e più precisamente nella bella cittadina di Bacoli. Bacoli fu fondata dagli antichi romani che la chiamarono col nome di Bauli. In epoca romana era un luogo di villeggiatura rinomato quasi quanto la vicina Baia.

Dell' antica Bauli si conservano ancora i resti delle Cento Camerelle, della Piscina Mirabilis, del cosiddetto Sepolcro di Agrippina. Nell' età augustea Bacoli diventò il principale avamposto militare e capitale elettiva della politica, della cultura e della mondanità, insieme alla vicina Baiae.

In seguito alla caduta dell' Impero romano la città di Bacoli decadde anche a causa di alcuni fenomeni geologici come il bradisismo e le erosioni. Nei secoli XVII, XVIII e XIX la città rinacque e divenne una delle mete preferite dagli europei.

L'attuale comune comprende anche i resti dell'antica Bauli, le antiche città romane di Baia (i cui resti si estendono fino a Fusaro), ed ancora Miseno con l'annessa Miliscola (da militum schola), sede della flotta pretoria degli imperatori romani, ed infine ancora una piccola porzione dell'antica città greca di Cuma.

E' un luogo meraviglioso che saprà incantare chiunque, con il suo litorale ed i panorami visibili dal vicino Monte di Procida, la sua vitalità e le testimonianze di arte e storia presenti praticamente ovunque.

Vi invitiamo a visitare la Solfatara e i Campi Flegrei;
sapranno sorprendervi!

Devi effettuare il login per inviare commenti

Blog