Miseno, il suo mare e la sua storia. Nella Terra del Mito!

Il nostro periodico viaggio alla scoperta dei Campi Flegrei, la Terra del Mito, ci porta ancora una volta a Miseno (sinus militum)

, dove un tempo stazionava la flotta romana, Misenensis classis, uno dei luoghi di valore della conoscenza storico archeologica di questo territorio e della strategia militare degli antichi romani che, con le loro navi, dominarono su tutti i mari.

Proprio da Miseno partì la flotta imperiale comandata da Plinio il Vecchio verso "la cenere che cadeva sulle navi" nel drammatico evento dell' eruzione del Vesuvio, nel 79 d.c., di cui proprio recentemente abbiamo parlato nella nostra rubrica scientifica del Martedì a proposito degli esperimenti condotti sui calchi in gesso delle vittime di quel drammatico evento (CLICCA QUI).

Sarà il nipote, Plinio il Giovane, in due lettere allo storico Tacito, a tramandare il racconto della pioggia di fuoco: "era a Miseno ed esercitava il comando della flotta. ll 24 agosto, verso le ore 13, mia madre gli mostra una nube di insolita grandezza e di strano aspetto. Egli aveva preso un po' di sole, poi aveva fatto un bagno freddo, aveva pranzato a letto e studiava. Chiede i calzari e sale su un luogo alto dal quale si poteva osservare l'eccezionale spettacolo. Una nube si levava in alto e non si capiva bene, a guardare da lontano, da quale montagna; si seppe, poi, che era il Vesuvio, il cui aspetto e la cui forma nessun albero avrebbe reso meglio di un pino... Pareva che il mare si ripiegasse su se stesso, quasi respinto dal tremare della terra e coprì il mare, avvolse e nascose Capri,tolse la vista del promontorio di Miseno...; molti supplicavano gli dei, molti stimavano che non vi fossero più gli dei e che quella fosse l'ultima notte del mondo...".

E Plinio, comandante in capo e potente stratega della flotta, morirà, vittima della sua curiosità, in un mare di fuoco, "terribilmente squarciato".


Storia, mito e leggenda si fondono e mescolano di continuo generando emozioni ed evocando ricordi nel percorrere e scoprire questi luoghi e le gemme preziose che ne fanno parte, conservate e tramandate dal loro glorioso passato.

Visitate i Campi Flegrei; vi sorprenderanno!

Devi effettuare il login per inviare commenti

Blog